Non c’è impresa oggi che non dipenda dai dati e dalle informazioni di prodotto. Ma molti ancora non lo sanno.

Ogni giorno le aziende combattono una costante battaglia per raccogliere, gestire e sincronizzare le informazioni di prodotto. Ma spesso ancora non lo sanno.

La soluzione a questa ricerca continua ha un nome e si chiama PIM, product information management. Anche questo spesso è ignorato dai più.

Vi raccontiamo quando un’azienda ha bisogno di un PIM o meglio in quale situazione si sono trovati alcuni dei nostri clienti che hanno trovato poi in una piattaforma PIM la soluzione al loro problema.

Ecco 5 motivi per scegliere un PIM:

1.

“Avevamo dati sparsi ovunque, da file Excel al CMS del nostro sito. Ogni volta era un’impresa reperire il file giusto, nel formato giusto e aggiornato.”

Per uno dei nostri clienti, leader nella produzione di macchine e impianti per il taglio dei metalli, era fondamentale superare l’approccio frammentato che aveva prodotto fino ad allora la diffusione del dato tra vari reparti, tool e procedure. L’adozione del PIM ha consentito loro di affidarsi ad un’unica “fonte di verità”, un sistema centralizzato che fornisce un rapido accesso a tutte le informazioni di prodotto per chiunque ne avesse bisogno all’interno dell’impresa.
Inoltre il PIM si inserisce in un meccanismo non secondario ovvero quello della sincronizzazione automatica dei dati che vengono subito aggiornati anche sui vari canali di distribuzione: sito web, cataloghi cartacei, schede tecniche di prodotto, ecc.

2.

“Classi merceologiche, centinaia di attributi e delle schede prodotto coerenti da realizzare: tutto questo a costo di intere giornate di lavoro e scarsa efficienza.”

Quando ci si trova a lavorare con centinaia di attributi per ogni famiglia di prodotto diventa centrale riuscire a razionalizzare e clustezzare tali attributi rispetto alla categoria merceologica di appartenenza. In questo senso il dispendio di tempo ed energie è enorme, come evidenziato da un nostro cliente che ha trovato in Pimcore la soluzione al suo problema: il PIM realizzato prevede una scheda prodotto polimorfica basata su un modello comune ma al tempo stesso configurabile in base alla categoria merceologica. Inoltre grazie alla centralizzazione delle informazioni di prodotto abbiamo contribuito a ridurre la complessità di immissione e consultazione dati. Tutti i reparti ci hanno guadagnato in maggiore efficienza e precisione.

3.

“Ci siamo accorti che le schede prodotto sul nostro sito erano il touchpoint più importante per i nostri clienti. È diventato quindi fondamentale curarne la qualità per dare ai clienti le informazioni che stavano cercando.”

Un noto produttore di soluzioni d’arredo per la casa e il contract ha imparato sul campo che dati o schede di prodotto imprecisi possono avere a lungo andare impatto sulle performance aziendali. Sul sito la mancanza di meta dati (meta title e description) compilati correttamente utilizzando le giuste keywords dilata il tempo che gli utenti impiegano a cercare i prodotti a cui sono interessati. Questo si traduce in un’esperienza utente non sempre soddisfacente. Grazie al PIM oggi il cliente può organizzare meglio le informazioni di prodotto per fornire migliori risposte agli utenti e migliorare la propria visibilità su Google.

4.

“Con un catalogo sempre più complesso come il nostro dove ogni prodotto è disponibile in numerose e articolate varianti ci stavamo perdendo nella composizione delle schede prodotto.”

Quando si lavora con cataloghi prodotto ampi e articolati affidarsi a soluzioni datate e artigianali significa esporsi al rischio di perdere importanti componenti dell’informazione di prodotto. Un PIM come quello pensato per chi produce cucine da decenni è il frutto dell’esigenza di avere un catalogo sempre aggiornato e completo per ogni canale di output.

5.

“Servendo tantissimi paesi (con quasi altrettante lingue diverse) è diventato fondamentale dotarsi di una struttura in grado di aggiornare i prodotti in automatico a seconda di requisiti e lingua.”

I brand che hanno una presenza in numerosi paesi devono necessariamente fornire informazioni di prodotto aggiornate, complete e customizzate in base ad esigenze locali (traduzioni, prezzi, particolari requisiti, ecc.). Per questa tipologia di imprese niente è meglio di un PIM in grado di semplificare e gestire esigenze complesse multiple in modo flessibile e integrato.