Pim per e-commerce - Extera Digital Agency

Pim e E-commerce: squadra che vince non si cambia

Sai che cos’è un PIM? Noi di Extera ne parliamo spesso perché ci lavoriamo praticamente ogni giorno.

Acronimo di Product Information Management il PIM è una soluzione per l’organizzazione intelligente delle informazioni di prodotto, per la loro gestione collaborativa da parte di più reparti aziendali (ufficio marketing, vendite o acquisti) e per il loro invio ai vari canali di distribuzione (cataloghi cartacei, e-commerce, schede tecniche di prodotto…).

In altre parole una soluzione centralizzata di input ed output di informazioni relative ai prodotti della tua azienda. Grazie ad un PIM infatti tutte le informazioni sono in un unico “luogo” e possono essere aggiornate contemporaneamente in ogni canale con un’unica modifica.

“Hai ancora qualche dubbio?”

Con un esempio sarà più chiaro: supponiamo di dover aggiornare la descrizione di un prodotto del nostro e-commerce. Con un’unica modifica la descrizione verrà automaticamente aggiornata non solo nella scheda prodotto del nostro shop online, ma anche nel file relativo al catalogo cartaceo, nell’app o nel gestionale del punto vendita. Update immediato e mai più refusi!

Un PIM può facilitare notevolmente la gestione del proprio E-commerce, aiutandoci anche a:

  • massimizzare la produttività
  • migliorare la qualità dei contenuti
  • incrementare il ritorno sull’investimento

“In che modo?” Andiamo per gradi.

Se vuoi saperne di più approfondisci Cos’è un PIM

Cosa c’era prima del PIM?

Per comprendere i vantaggi che questa soluzione può portare alla tua attività di vendita online facciamo un passo indietro: cosa c’era prima del PIM?

Prima del Product Information Management le informazioni relative ai prodotti come immagini, nomi, prezzi, quantità o assortimenti venivano raccolte in file Excel, sistemate in cartelle sul nostro pc, ERP o inserite nel CMS del nostro sito web. È probabile che tu riconosca l’organizzazione attuale della tua azienda in queste poche righe. Se è così ti consigliamo di proseguire la lettura e di non scoraggiarti.

Supponiamo che tu sia a capo del reparto marketing di un’azienda di abbigliamento per bambini che vende online i propri prodotti. Il mese prossimo sono previste delle campagne di marketing e per ottenere tutte le informazioni relative alle promozioni dei prodotti, è possibile che tu ti sia dovuto confrontare più volte con i tuoi colleghi, che vi sia stato uno scambio di file via e-mail o di link a cartelle condivise. In poche parole un sacco di file, un sacco di dati e un sacco di tempo perso per trovarli e gestirli.

Con PIM questo non accade.

PIM: i vantaggi per il tuo E-commerce

Proseguendo con lo stesso esempio, ipotizziamo che l’E-shop sia multilingua e destinato a più mercati. Lingue e valute diverse, migliaia di prodotti da organizzare e aggiornare periodicamente, prezzi che cambiano continuamente e un catalogo da tenere costantemente aggiornato. Grazie al PIM possiamo:

  • dare diversi livelli di accesso alle informazioni, personalizzabili in base alle esigenze ad ognuno dei dipendenti che dovranno accedervi;
  • migliorare la qualità dei flussi di lavoro, con tempi e costi minori;
  • agevolare il reperimento delle informazioni tra i vari reparti aziendali, rendendo disponibili le informazioni di prodotto a supporto di decisioni commerciali (assortimento, entrata in nuovi mercati, promozioni etc.);
  • uniformare le informazioni e permettere un aggiornamento multicanale real time;
  • effettuare ricerche avanzate sul catalogo prodotti in pochi click.

Questi sono alcuni dei vantaggi più rilevanti che derivano dall’utilizzo di un PIM per un E-commerce, che si tratti di Magento, Shopify o Woocommerce.

Tuttavia è bene tenere presente che il Product Information Management non è adatto ad ogni tipo di attività, vediamo perché.

Ti serve un PIM?

Se sei arrivato a leggere l’articolo fino a questo punto è probabile che tu sia curioso di sapere come va a finire o che ti stai chiedendo se ti serve veramente un PIM.

Andiamo avanti e definiamo le caratteristiche di un’azienda che ha bisogno di un PIM.

Se la tua è azienda gestisce decine, centinaia o migliaia di prodotti che:

  • necessitano modifiche periodiche
  • presentano informazioni complesse
  • devono essere gestiti da diversi utenti nei vari reparti aziendali
  • devono raggiungere rapidamente più mercati
  • devono essere indirizzati in modo veloce gli ultimi canali di vendita

Allora si, ti serve un PIM.

Se non ti abbiamo ancora convinto ti consigliamo di leggere 5 motivi per scegliere un PIM.

PIM e migrazione piattaforma E-commerce

Migrare il proprio E-commerce da una vecchia piattaforma ad una nuova può risultare un lavoro piuttosto complesso e oneroso soprattutto se ci sono molti prodotti e contenuti da trasferire.

Per affrontare questo passo è possibile che ci venga proposto un lavoro manuale, con tempistiche più lunghe e costi non banali o addirittura la customizzazione di un software per la migrazione automatizzata dei contenuti (e anche qui a costi non si scherza!).

Con un PIM saremo agevolati: avendo tutti le informazioni aggiornate relative ai prodotti del nostro E-commerce in un unico luogo centralizzato, trasferirle da un CMS obsoleto ad uno nuovo sarà un’operazione meno complessa e più comoda.

“Ma i colleghi dovranno comunque imparare ad utilizzare la nuova piattaforma?”

Non per gestire i prodotti. Le persone che all’interno dell’azienda si occuperanno della gestione prodotto non dovranno imparare ad utilizzare la nuova piattaforma (che sia Shopify o Magento) poiché continuando a mantenere i prodotti su PIM il cambio di e-commerce sarà quasi trasparente.

Tra gli altri vantaggi ricordiamo:

  • costi di migrazione dei contenuti più accessibili;
  • tempistiche di trasferimento più brevi.

Non c’è PIM senza DAM.

Ora che hai capito che il tuo E-shop ha bisogno di un PIM per dare il massimo e ottenere un’organizzazione delle informazioni dei prodotti sincronizzata e centralizzata (quello che hai sempre sognato insomma) non puoi non conoscere il DAM.

Il DAM acronimo di Digital Asset Management è un sistema per la gestione unificata dei contenuti. In questo caso saranno quindi immagini o video a poter essere gestiti in modo centralizzato.

Abbiamo dedicato una saga di ben 3 episodi al DAM e non puoi assolutamente perdertela. Qui sotto il link al primo episodio.

Leggi il primo capitolo della saga Mi serve un DAM? Si ma ancora non lo sai

Condividi su

Copia il link dalla Clipboard

Copia