“È il destino dell’archeologo quello di vedere frustrati anni e anni di lavoro e ricerche” – Indiana Jones

Se hai trovato quest’articolo su Google avrai sicuramente una certa familiarità con il concetto di SEO, ovvero Search Engine Optimization. Se invece non hai conosciuto la nostra web agency ti sarà forse più difficile accettare che SEO e contenuti di un sito non sono due entità separate, ma parte di un’unica strategia di content marketing. Provo a dimostrartelo con un esempio.

Hai mai visto Indiana Jones e L’Ultima Crociata? Immagina di essere come il Professor Jones davanti ai suoi studenti, in una grande sala riunioni. Sei sul punto di tenere il tuo discorso. Non ci sono regole. Puoi argomentare quello che vuoi, ma hai un’unica condizione: alla fine della prima frase chi ti ascolta può decidere se rimanere o lasciare la stanza. Come esordiresti in questo momento cruciale?

Lo stesso dilemma tormenta da anni quotidianamente non solo gli uomini d’affari, ma in ambito digitale anche semplici blogger e redattori di contenuti. Sono sufficienti pochi secondi, basta l’incipit di un articolo: un buon inizio fa la differenza tra una persona che decide di restare e chi se ne andrà a cazzeggiare su Facebook.

Anche sulla rete valgono certe regole. A meno che il tuo contenuto non sia pianificato con accortezza e creato per sposare gli interessi della tua audience, i buoni propositi di una strategia SEO sono destinati a fallire miseramente. Un’attività di ricerca e analisi delle parole chiave è oggi indispensabile per la pianificazione, preparazione e produzione dei contenuti.

learning-and-support-icon

Le tre domande che dovresti porti sono:

  1. Come faccio a integrare un contenuto a un’analisi SEO?
  2. Come faccio a rendere un contenuto irresistibile?
  3. Come faccio ad aumentare i risultati dei miei obiettivi strategici?

Ecco le risposte :)

Sapere quale storia raccontare

Le storie che racconti hanno un compito ben preciso: essere interessanti per il tuo pubblico. Come fare a sapere se possono funzionare? La risposta è ovvia: tenere le orecchie aperte. Vanno bene anche gli occhi, nel caso di noi telematici. Il modo migliore di farlo è prendere a riferimento una parte della nicchia. Appagare le esigenze di troppe persone richiede tempo, ma seguirne un piccolo numero è un buon inizio. Per farlo puoi ricorrere a questionari online o controllare gli interessi correlati del tuo pubblico sui social. O usare Google! Quel rettangolino vuoto al centro di www.google.it è il ricettacolo di tutte le domande del mondo, dalle più assurde a quelle più inconfessabili. Usare in modo appropriato strumenti come Google Trends, Google Istant, Google Keyword Planner, Semrush o SeoZoom ti permette di avere un buon termometro sugli argomenti più gettonati del momento. Questi strumenti sono in grado di fornirti informazioni preziose: grazie a Google puoi scoprire cosa preoccupa la gente, quali sono i suoi interessi, i sogni, le attese, cosa vorrebbero vedere risolto nel minor tempo possibile.

1

Conoscere cosa cercano le persone

Non investire in analisi e ricerca delle parole chiave per la tua strategia di SEO Content significa lavorare a vuoto. Conoscere i valori delle keyword ti permette invece di comunicare in modo migliore, unire i tuoi obiettivi di marketing con quelli della SEO, trasformare semplici visitatori in clienti con meno tempo, fatica e risorse. Il segreto del successo di quest’attività? È molto semplice: sapere cosa cercano i tuoi clienti. Analizzare query di ricerca degli utenti può chiarirti non solo cosa viene cercato, ma perché viene cercato e perché la gente ne ha bisogno. Il prodotto o il servizio che devi raccontare sarà l’anello mancante tra ciò che le persone cercano e quello che puoi offrirgli rispondendo alle loro aspettative. Un’analisi SEO è fondamentale per programmare il tuo piano editoriale e produrre dei risultati. Operando in questo modo potrai…

Conoscere meglio i tuoi clienti

Se il tuo contenuto sarà in grado di rispondere per magia alle domande non ancora formulate di chi ti ha appena trovato sui motori, avrai automaticamente raggiunto il tuo obiettivo. Un’analisi sulle parole chiave ti aiuta a entrare più a fondo nella mentalità dei tuoi clienti. Conoscendo quali parole sono state usate per arrivare sulle tue pagine, puoi capire meglio desideri e bisogni di chi ti ha appena trovato. Cosa si aspetterebbero i tuoi visitatori dal tuo link trovato su Google? La tua pagina riesce a soddisfare queste esigenze? Osservando le parole chiave che sono state utilizzate da chi ha trovato la tua pagina, puoi facilmente capire quante persone siano potenzialmente interessate a proseguire un’interazione con la tua attività e quanti abbandoneranno il sito.

La nostra web agency ha sede in Romagna e per questo mi piacerebbe fare un esempio con una ricerca – ahimè – molto utilizzata: “Vacanze a  Rimini”. A cosa può servire essere trovati tra le prime posizioni con una chiave di ricerca così generica? Creare un testo basato su parole chiave più precise come “Hotel economici a Rimini” o “Vacanze a Rimini in Hotel 25 Aprile” raccoglierà meno visitatori ma molte più conversioni. I termini  che descrivono in modo più coerente il tuo business non sono cercati sulla rete? Devi passare a quelli in grado di generare più traffico, e guidare chi è atterrato sulla tua pagina all’obiettivo attirando l’attenzione, creando inedite aspettative.

2

Comunicare più efficacemente

Investire in un’analisi SEO e delle parole chiave ha un altro grande vantaggio: riuscire a comunicare più efficacemente. Le tue parole possono creare maggiore empatia affinandosi alla sensibilità di chi ha trovato la tua pagina, cercando di “parlare lo stesso linguaggio”. Devi creare una connessione diretta e sincera con il tuo interlocutore, persuaderlo e istruirlo allo stesso tempo, fornirgli preziose informazioni che lo guidino nella giusta direzione. Non è sufficiente l’abilità redazionale di un bravo copy. Per accendere questa magia occorre sapere come e quando comunicare con nuovi prospect guidandoli opportunamente verso gli obiettivi stabiliti in fase di analisi. Ogni parte di contenuto può essere ritagliata su misura intorno a suggestioni, informazioni, idee suggerite da una singola parola chiave, e ciascuna parte deve concorrere a raggiungere il medesimo risultato. Il tutto si traduce in due eventi: l’incremento delle conversioni, la diminuzione delle spese.

Pianificare più facilmente

Sapere cosa cerca il tuo pubblico può permetterti di trovare nuovi spunti per il tuo piano editoriale. Conoscere quali sono gli argomenti più ricercati dal tuo pubblico ti permette di creare contenuti più interessanti. Tempismo e abilità editoriale diventano quindi fondamentali per condurre nuovi visitatori ai tuoi testi, e quindi a potenziali conversioni.

Passare da utile a perfetto

Guru e professori della SEO a un certo punto ti parleranno dell’importanza di creare un testo in grado di essere utile a chi l’ha trovato. Si sbagliano: un contenuto utile non basta più. Quest’obiettivo non è sufficientemente ambizioso. Quando si ha a che fare con parole molto cercate sulla rete, creare “contenuto utile” equivale a gettare un sassolino in un oceano di tanti altri contenuti dello stesso valore. Quello che occorre è invece un contenuto perfetto, un contenuto definitivo che una volta trovato non faccia avvertire la necessità di consultare un’altra pagina. Per vincere al Grande Gioco Della SEO il tuo contenuto deve superare di diverse misure ogni altro contenuto simile sulla rete, anticipando ogni domanda generata dalla parola chiave in modo attendibile e completo. Una strategia SEO ben riuscita deve lasciare il segno, e far finire la tua pagina direttamente tra “i preferiti” del lettore. E molto di più! I nostri contenuti devono ambire alla condivisione sui social e numerosi link da parte di nuovi siti, possibilmente molto visitati. S’innescherà così un processo virtuoso per aumentare efficacemente il posizionamento delle tue pagine web, aumentando il traffico sul tuo sito. Un esempio? La rubrica che abbiamo creato per Stosa Cucine sulle Cucine Componibili.

3

Essere più creativi

Molti pensano che lavorare su dati forniti da un programma sia una minaccia per la creatività. Molti, ma non i copywriter, per cui regole e indicazioni diventano parte di una sfida creativa per realizzare contenuti efficaci oltre che coerenti e d’interesse. Lavorare su testi digitali con parole chiave ricavate da un’analisi SEO è l’unica strada possibile quando si parla di content marketing. Scrivere senza ricerca e strategia significa sciupare il tempo dell’agenzia e i soldi del cliente.

Affidarsi a un’agenzia

Investire in un’analisi SEO e operazioni di content marketing digitale è indispensabile per ottenere traffico sul proprio sito e conversioni degli obiettivi di web marketing. Ignorare queste attività equivale a vanificare ogni investimento sul marketing online e mettere un freno a ogni potenziale contatto, vendita e diffusione della brand awareness. Non riservare al tuo sito lo stesso destino dell’Arca Perduta nel finale di Indiana Jones. I contenuti digitali sono solo una piccola parte di strategie SEO molto più grandi, ma sono una parte importante.

Vuoi sapere come allestire una strategia di content marketing efficace per la tua azienda? Contatta la nostra web agency.